Il fuoco dello yoga

Quando attimi di  fuoco, lampi o voli, irrompono sorprendendoci nella nostra contemplazione, essi appaiono come istanti dell’universo. 
Non ci appartengono, ci vengono donati.

G.Bachelard

 

TEMA DELL’INCONTRO
Il filo conduttore è il fuoco (agni) vissuto tramite il fuoco che accenderemo, valutato secondo l’ayurveda (il fuoco della  salute), lo yoga (il fuoco dello spirito), la simbologia esoterica (il fuoco della trasformazione), l’alimentazione (il fuoco dell’assimilazione), il fuoco della... condivisione.

COSA FACCIAMO
Tempo permettendo cercheremo il più possibile di gustarci la natura circostante con camminate, meditazione con gli alberi e attorno al fuoco, hatha yoga, lezioni teoriche e ascoltando il sitar della nostra musicista ufficiale (Giulia Coschiera) nella chiesa-sala.

PARTENZA
Venerdì 2 aprile, mattina presto

DOVE
Sull’appennino tosco-emiliano località San Pellegrino in una magica casa con origini del 1600 immersa in un bosco di querce e castagni centenari.

COME
La struttura della casa è semplice ed essenziale, le camere da 2-3-4 posti letto, i bagni in comune (nuovi) al piano terra, salone per il pranzo e camino. Dato l’ampio prato che circonda la casa, è possibile piantare tende da campeggio e/o utilizzare la piccola chiesa sconsacrata di fronte  alla casa, che sarà inoltre la nostra sala delle attività. L’alimentazione vegetariana sarà curata da una cuoca specializzata.

COSA PORTARE
Per la collocazione geografica e il clima variabile, vi consigliamo di portare abbigliamento adatto, caldo e pratico, se volete sacco a pelo (comunque i letti sono a disposizione pronti), scarponi da camminata (mi raccomando!), tappetino e abiti per la pratica di yoga e meditazione, torcia elettrica, quaderno per appunti, teli e tappeti di plastica per stare seduti attorno al fuoco (anche di notte), ciò che serve per coprirsi dal vento e dalla pioggia (non ci faremo fermare da niente! ...tanto poi c’è il camino).

ALTRO
Spostamenti in macchine condivise, chi ha attrezzatura per riprese video, per favore, la porti. Ritorno lunedì 5 aprile mattina per evitare rientri e traffico.

Solita ed intensa (in questo caso, bruciante) conduzione di Maurizio Di Massimo

 

Galleria immagini