I benefici dello yoga: dialogo e confronto tra la visione della medicina occidentale e quella dello yoga tradizionale

Le moderne ricerche scientifiche applicate alle antiche conoscenze della tradizione orientale, confermano attualità, validità e applicazione pratica di discipline come lo yoga e la meditazione. Da qui l’esigenza di un confronto tra due visioni culturali spesso contrapposte, ma entrambe focalizzate sulla comprensione dei meccanismi del corpo e della mente dell’essere umano.

Lunedì 30 settembre alle ore 20.30, presso la Biblioteca Comunale Baia Flaminia, Piazzale Europa 16, si terrà l’incontro ad ingresso libero dal titolo “I benefici dello yoga, dialogo e confronto tra la visione della medicina occidentale e quella dello yoga tradizionale”.

 

La conferenza è organizzato da Yoga Rasa, Centro dedicato alla cultura dello yoga tradizionale, della meditazione e dell’ayurveda, attivo a Pesaro dal 1981.

 

L’incontro vedrà coinvolti i relatori:
Prof.ssa Rossella Fattori
Cardiologo, già direttore Cardiologia e Cardiologia Interventistica Ospedale di Pesaro, attualmente direttore Centro regionale Malattie Aortiche Ereditarie, praticante yoga, studente di violoncello

Dott.sa Annalisa Giannelli
Psichiatra, Psicoterapeuta di indirizzo cognitivo comportamentale, Psichiatra Forense e Criminologa, Dipendente dell'AUSL Toscana Sud-Est.

Maurizio Di Massimo
Insegnante di yoga e meditazione abilitato presso la Federazione Italiana di Yoga e la Bihar School of Yoga, operatore yoga e ayurveda (Istituto Himalayano di Ricerche in Ayurveda). Conduttore di Yoga Rasa, Centro di yoga, meditazione e ayurveda, Pesaro

Modera l’incontro il giornalista
Alberto Pancrazi

 

Argomenti che verranno trattati:
- L’applicazione dello yoga e della meditazione nei numerosi ambiti di utilizzo quali la terapia, lo sport, l’arte, la pedagogia ed altri campi meno noti.
- La relazione integrata tra lo yoga e la medicina ayurvedica e lo loro visione olistica dell’essere umano
- Gli studi delle neuroscienze confermano come, tecniche diverse quali la mindfulness, il training autogeno, lo yoga e la psicoterapia cognitivo-comportamentale stimolano aree del cervello correlate alla coscienza, determinano lo sviluppo di nuove connessioni sinaptiche sia in individui sani che in pazienti  psichiatrici e neurologici
- Le tecniche yoga sono state diffusamente analizzate negli ultimi anni secondo studi clinici che rispondo ai criteri della medicina occidentale, che basa le sue risposte sull'evidenza scientifica o ossia sul calcolo numerico delle differenze tra gruppi di popolazione con caratteristiche analoghe.
- Attualmente ci sono più di 5000 studi in letteratura medica che analizzano i benefici dello yoga in campo neurologico, cardiovascolare, ortopedico, antinfiammatorio ecc.
- Gli studi di Risonanza Magnetica evidenziano modifiche di plasticità cerebrale, migliori connessioni neuronali che contrastano l'invecchiamento cerebrale.